Il rischio climatico è la probabilità di subire
perdite economiche, sociali o ambientali a
causa dei cambiamenti climatici e dei fenomeni
meteorologici estremi. Alcune società che
pubblicano indici di mercato hanno sviluppato
strumenti per misurare e monitorare il rischio
climatico e la resilienza dei settori finanziari e reali

Oggi voglio parlarvi di finanza, mercati finanziari, indici di mercato e rating sugli Stati. Ritenete che sia off topic rispetto ai principali temi legati alla mission di questo sito? La risposta è: assolutamente no.
I rischi climatici sono molto importanti per l’economia e la società in un paese, perché possono avere effetti negativi diretti su diversi settori e aspetti della vita. Pensate a:

Globale, Riscaldamento, Clima, Cambiasiccità, ondate di calore, innalzamento del livello del mare, che possono danneggiare le infrastrutture, le colture, la salute umana e la biodiversità.
Diminuzione delle scorte alimentari, che può causare carestie, conflitti, migrazioni e povertà.
Minacce al settore turistico, che può subire perdite di entrate e occupazione a causa dei cambiamenti nelle condizioni ambientali e nelle preferenze dei viaggiatori.
Aumento delle emissioni di gas serra e particolato, che possono contribuire all’effetto serra, all’inquinamento atmosferico e alle malattie respiratorie.

 

I rischi climatici possono anche avere impatti indiretti sull’economia e la società, come ad esempio:
aumento dell’instabilità politica, sociale e finanziaria, a causa dei conflitti, delle disuguaglianze, della disinformazione e della polarizzazione generati dai rischi climatici.
Perdita di fiducia e cooperazione tra i paesi, a causa della mancanza di azioni condivise e coordinate per affrontare i rischi climatici.

Per ridurre i rischi climatici, è necessario adottare misure urgenti e ambiziose, sia a livello nazionale che internazionale, per limitare le emissioni di gas serra, aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici, promuovere gli investimenti sostenibili e la finanza verde, e sensibilizzare l’opinione pubblica e i decisori politici. E poiché il rischio climatico è la probabilità di subire perdite economiche, sociali o ambientali a causa dei cambiamenti climatici e dei fenomeni meteorologici estremi. Alcune società che pubblicano indici di mercato hanno sviluppato strumenti per misurare e monitorare il rischio climatico e la resilienza dei settori finanziari e reali. Eccone alcune:
MSCI (Morgan Stanley Capital International): offre una serie di indici, rating, analisi e report sul rischio climatico, basati su diversi scenari e metriche che mirano a ridurre l’impronta di carbonio e ad allinearsi agli obiettivi dell’Accordo di Parigi.
FTSE Russell: fornisce una gamma di indici, dati e soluzioni per il rischio climatico, che coprono aspetti come l’esposizione al carbonio, la transizione energetica, le opportunità verdi e i rischi fisici.
S&P Dow Jones Indices: dispone di una serie di indici, servizi e strumenti per il rischio climatico, che includono l’analisi delle emissioni, la resilienza climatica, la transizione verso un’economia a basse emissioni e la finanza sostenibile, progettati per allinearsi agli obiettivi dell’Accordo di Parigi e favorire la transizione climatica.

Particolarmente interessante è l’edizione 2024 del Sustainability and Climate Trends to Watch for 2024, pubblicato recentemente da MSCI (qui), che fornisce nuove informazioni su come sarà l’anno a venire. Sono otto le indicazioni, le avvertenze e i suggerimenti che il report MSCI propone, eccoli, di seguito.

        1. Le condizioni meteorologiche estreme colpiscono la casa e il lavoro.

        Gli impatti fisici del climate change colpiscono milioni di persone, così come le aziende che si affidano ad essi. L’adattamento sta diventando un must, l’aumento dei livelli di calore e umidità rende il lavoro più difficile e frena la produttività.

        1. Riflettori puntati sulla supervisione aziendale.

        Le autorità di regolamentazione della revisione contabile stanno esaminando sempre più attentamente le pratiche di audit, la supervisione del consiglio di amministrazione e la qualità dei revisori. Nel frattempo, la creazione e il mantenimento di consigli di amministrazione con il giusto mix di competenze, competenze e background per supervisionare efficacemente le loro aziende e affrontare i rischi emergenti stanno ponendo ulteriori sfide.

        1. Gestire l’intelligenza artificiale (AI). Le basi contano ancora

        La combinazione di tagli di posti di lavoro e trasformazione della forza lavoro, guidata dall’adozione di tecnologie generative AI, è diventata una realtà. Le aziende devono sfruttare diversamente il potenziale dei miglioramenti della produttività.

        1. Il dovere di diligenza (due diligence) nella catena di approvvigionamento diventa legge

        I nuovi requisiti e le nuove politiche di divulgazione stanno rendendo le aziende responsabili di ciò che accade nella loro catena di approvvigionamento, implicando un’importante fonte aggiuntiva di reputazione. Si tratta di preservare la natura, la biodiversità, le condizioni di lavoro sostenibili, ecc.

        1. Informativa aziendale sul clima. La regolamentazione porta a un maggior numero di divulgazioni aziendali, ma attenzione alle clausole scritte in piccolo

        Il 2024 sarà l’anno in cui saranno rese disponibili molte informazioni aziendali sulla sostenibilità, ma il diavolo si nasconde nei dettagli.

        1. Le conseguenze indesiderate dell’SFDR (Regolamento sull’informativa sostenibile) per i mercati emergentiForesta, Il Percorso, Alberi, All'Aperto

        Non ci sono abbastanza aziende dei mercati emergenti in grado di soddisfare i requisiti dell’SFDR. Barra alta per gli investimenti sostenibili.

        1. Il debito privato siede al tavolo della transizione climatica

        Gli operatori del mercato privato hanno un ruolo importante nel mercato della transizione privato, ma queste nuove opportunità comportano sfide strutturali per i proprietari e i gestori di asset privati, di cui il rapporto MSCI fornisce informazioni.

        1. Investire nella natura

        Gli investitori stanno cercando di tenere conto delle interconnessioni tra natura e natura in vari modi, come tentare di misurare la loro conservazione e il loro restauro, e come investire nei loro progetti di conservazione o miglioramento ecologico.

Avrete notato con quale attenzione (e apprensione) negli ultimi mesi del 2023 si sono attesi, in Italia, le valutazioni (rating) dei principali istituti sul nostro paese. Ma attenzione: i rating degli stati e gli indici di mercato non sono la stessa cosa. I rating degli stati sono dei giudizi che le agenzie di rating, come Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch, assegnano alla solvibilità e alla capacità di un paese di onorare i propri debiti. Gli indici di mercato sono dei numeri che rappresentano il valore medio o la performance di un gruppo di titoli finanziari, come azioni, obbligazioni, materie prime, ecc. Ma i rating degli stati influenzano gli indici di mercato, perché determinano il costo del debito pubblico e il livello di fiducia degli investitori verso un paese. Se un paese ha un rating alto, significa che ha una bassa probabilità di default e quindi può emettere titoli di stato a tassi di interesse più bassi. Questo favorisce la crescita economica e la stabilità finanziaria, e si riflette positivamente sugli indici di mercato. Se invece un paese ha un rating basso, significa che ha una alta probabilità di default e quindi deve offrire titoli di stato a tassi di interesse più alti. Questo penalizza la crescita economica e la stabilità finanziaria, e si riflette negativamente sugli indici di mercato.

Ne consegue che l’adattamento e la mitigazione dei rischi climatici in un paese (come suggeriscono gli indici di mercato) fa bene all’economia, alla società e all’ambiente.

Ma cosa ci riserverà il futuro?

Eléne Martin


Iscriviti alla NewsLetter