Corrispondenza dalla Cop28 a cura di Climate Home News,
di We Mean Business Coalition, Matteo Civillini e  Joe Lo

Le misure per l’adattamento al cambiamento climatico sono state spesso chiamate la Cenerentola del cambiamento climatico: ignorate e denutrite, sedute vestite di stracci accanto alla stufa mentre la riduzione delle emissioni non attira tutta l’attenzione. E non andrà nel verso giusto nemmeno a questa Cop, soprattutto perché perdite e danni si sono presentati diritti, per attirare l’attenzione e gli impegni dei governi donatori. Le cattive notizie sono iniziate qualche settimana fa, quando l’OCSE ha annunciato che i finanziamenti per l’adattamento sarebbero diminuiti del 14% tra il 2020 e il 2021. Poi ci sono state le promesse del Fondo per l’adattamento alla Cop28. Francia e Germania non sono migliori di quanto lo erano alla Cop27 e Stati Uniti, UE, Regno Unito e Giappone devono ancora intervenire.

Queste non sembrano le azioni dei governi impegnati a mantenere l’impegno preso dalla Cop26 di raddoppiare i finanziamenti per l’adattamento ai livelli del 2019 entro il 2025.
Nelle discussioni sul bilancio globale, alcuni paesi vogliono che il comitato permanente sulla finanza elabori una “tabella di marcia” su come i paesi sviluppati raggiungeranno tale obiettivo. Una fonte a conoscenza delle discussioni ha affermato che i paesi sviluppati si oppongono, poiché la Cop26 li “esorta” solo a raddoppiare, quindi non è un impegno. Un gruppo di paesi autoproclamati “campioni dell’adattamento” si è rivolto alle banche multilaterali di sviluppo per ottenere i fondi. Ieri hanno ospitato un colloquio con la Banca Mondiale e la Banca Asiatica di Sviluppo.

Un’altra fonte di liquidità potrebbero essere i mercati del carbonio. Ma a marzo, venditori di crediti di carbonio come Conservation International e acquirenti come la banca BBVA hanno respinto il tentativo di imporre una tassa obbligatoria sulle compensazioni per finanziare l’adattamento.

I dati sui finanziamenti per l’adattamento del 2021 sono antecedenti alla Cop26 e all’impegno di raddoppio. Potremmo vedere cifre migliori per il 2022 e raggiungere l’obiettivo entro il 2025.
Anche allora, era una goccia nell’acqua. Raggiungere l’obiettivo significherebbe raggiungere i 40 miliardi di dollari l’anno. Le Nazioni Unite affermano che le esigenze di adattamento ammonteranno a circa 140-300 miliardi di dollari all’anno entro il 2050.

Agitando Le Mani, Stretta Di Mano, ManiNota a margine: Capire chi è e chi non è un lobbista dei combustibili fossili alla Cop28 è un lavoro scrupoloso: per quattro giorni un team di ricercatori, programmatori e analisti di dati ha effettuato un controllo incrociato individuale tra 84.000 delegati e fonti pubbliche per verificare i loro interessi sui combustibili fossili.
Lacrime, capricci, fette di pizza fredda, taniche di caffè e 1,6 milioni di dati erano parte integrante dell’esercizio, afferma Patrick Galey di Global Witness . Il numero che lui e altri membri della coalizione Kick Big Polluters Out hanno calcolato è stato di 2.456.
Questo è il numero più alto di rappresentanti del carbone, del petrolio e del gas mai registrato in una conferenza delle Nazioni Unite sul clima.

Se fossero un paese, formerebbero la terza delegazione più grande a Dubai.

Ricerca fonti di Eléne Martin


Iscriviti alla NewsLetter